Crea sito

A CINQUANT’ANNI DALLO SBARCO LUNARE

Un piccolo passo per l’uomo, ma un grande passo per l’Umanità, più o meno. Le impronte, impresse dagli astronauti, sono ancora lì, come nel tempo in cui avvenne lo storico sbarco lunare, cinquant’anni or sono. La Luna vista dalla Terra, da allora, pur mantenendo intatta la magica poesia notturna, avrebbe mutato per sempre il rapporto tra il genere umano e l’affascinante satellite terrestre. L’indimenticabile giornalista e scrittrice Oriana Fallaci, inviata a Houston nei giorni dell’evento, citò più volte Blaise Pascal, che definisce l’uomo né angelo né bestia, con la disgrazia che chi vuol fare l’angelo fa la bestia, augurandosi che l’allunaggio possa migliorare gli uomini, facendoli diventare un poco più angeli e un po’ meno bestie. Oggi, dopo mezzo secolo da quello che sembrava un sogno irraggiungibile, in attesa che l’uomo giunga anche su Marte, possiamo esporci nell’affermare che gli esseri umani erano e saranno quelli di sempre?