Crea sito

REDDITO DI CITTADINANZA E LAVORO

Agli italiani che, per galleggiare nel complicato mondo del lavoro, sbarcano onestamente il lunario come meglio possono, cosa si può augurare  se non di trovare un’occupazione più o meno stabile che consenti loro una vita dignitosa? Di ciò bisogna discutere quando si interviene in merito alle problematiche sociali da risolvere urgentemente nel nostro Paese.
Il reddito di cittadinanza, se indirizzato a coloro che veramente ne hanno la necessità, è un’azione governativa importante, ma la maggioranza di coloro che sopravvivono in stato di disoccupazione, oppure in forma precaria, vorrebbe una cosa e una soltanto: un lavoro che permetta all’interessato di immaginare un futuro migliore, o per lo meno qualcosa di molto vicino ad esso.
Inutile fare tanti giri di parole: in Italia abbiamo la necessità di una politica incentrata sul dialogo costruttivo tra l’imprenditoria, quello che rimane delle organizzazioni sindacali più rappresentative e coloro che partecipano attivamente al contesto, ovvero gli operai: una classe sociale senza più nemmeno l’idea di appartenere ad un qualcosa, e che neanche riesce ad andare in Paradiso, tanto per citare un celebre film di Elio Petri.