Crea sito

TOLMEZZO: ALLARME OCCUPAZIONALE ALLA PIGNA ENVELOPES

È recente la notizia dell’ulteriore perdita di residenti a Tolmezzo, ormai al di sotto dei 10mila abitanti.
Una montagna, da decenni in continuo spopolamento, non può continuare a perdere pezzi come nulla fosse. Ad aggravare il già pesante arretrato ci si mette anche Poste Italiane a mettere in crisi l’esistenza di 65 persone e relative famiglie, con un appalto che è stato vinto dalla francese Gpv, presente in Romania con una propria azienda..
Il rischio, in poche parole, è che parte della produzione tolmezzina della PIGNA ENVELOPES venga dunque portata in Romania. La solita questione di appalti e costo del lavoro al massimo ribasso, con l’aggiunta della massima tollerabilità per ambienti di lavoro che magari lamentano qualche criticità di troppo riguardo le norme in materia di sicurezza.
Mentre nessun riscontro è ancora arrivato da Poste Italiane giunge il commento amaro del sindaco Francesco Brollo, che definisce paradossale la condizione di uno Stato che, tramite Poste italiane (controllata per il 35% dalla Cassa Depositi e Prestiti e per il 29,3% dal Ministero dell’economia e delle finanze) prima “toglie il pane” alle nostre aziende facendo gare d’appalto al massimo ribasso (costringendole di fatto a non partecipare) e poi, fatto il danno, mette i cerotti con la cassa integrazione e il reddito di cittadinanza.